giovedì 30 giugno 2016

Vicious (I stagione)

Puntate brevi ed esilaranti, attori di grandissimo talento, stile molto teatrale e british humor. Mescolate tutto e otterrete Vicious!


Freddie e Stuart sono una coppia omosessuale che convive da ormai 50 anni e, come qualsiasi vecchia coppia, passano il loro tempo a punzecchiarsi, attorniati dai loro vecchi amici.
Prima fra tutte Violet, donna sulla cinquantina, che flirt con qualsiasi uomo le capiti a tiro ed è perennemente ospite dei due. Vi sono poi Mason, uomo tirchio e dal giudizio fin troppo facile, e Penelope, signora anziana con seri problemi di memoria. La vita di questa allegra brigata riceve uno scossone quando arriva un nuovo inquilino del loro palazzo, Ash, un ragazzo giovane e di bell'aspetto che attira l'attenzione non solo di Vi, ma anche di
Freddie e Stuart, dando così origine a molte gag sulla sessualità dei personaggi, ma senza finire sul volgare.
Il rapporto tra i protagonisti è una continua altalena fra amore-odio, infatti tutti si vogliono bene, ma le continue battute fanno quasi supporre un certo fastidio della presenza dell'altro, fattore di cui non sono immuni nemmeno i due protagonisti. Infatti Freddie e Stuart non fanno altro che sperare nella morte dell'altro o a ricordare i fallimenti in cui uno di loro è incappato, ma vi sono dei momenti in cui sono una coppia amorevole e dolce.
La capacità dei due attori è proprio quella di rendere questo rapporto eccezionale attraverso il modo di interagire fra di loro. Una sola è l'effusione esplicita a cui il pubblico assiste, per poi passare unicamente a sguardi, piccoli gesti e quel continuo cercarsi e avvicinarsi l'uno all'altro.
In pochi minuti sono diventati la mia coppia preferita in assoluto!
In tutto questo, però, si inserisce un ingenuo e spiazzato Ash, che ogni giorno va da i due 'nonnini' a chiedere consigli o parlare con loro per poi trovarsi sempre al centro di flirt indesiderati. E' continuamente in imbarazzo per le avance gratuite che deve subire, ma, soprattutto, è spiazzato da quei modi stravaganti e così teatrali dei vari personaggi che lo circondano.
Ash è il tipico ragazzo moderno, che va in discoteca, esce spesso con delle ragazze e che cerca di essere indipendente (quasi una Penny di The Big Bang Theory in versione maschile e inglese), che non capisce del tutto quei comportamenti strambi, ma che comunque apprezza perché parte di questa nuova e stramba famiglia.
I ritmi di narrazione non sono veloci, molto spesso sono lunghi, con lunghi dialoghi, proprio per questo apprezzo la scelta di realizzare episodi da solo 20/25 minuti. In questo modo risultano le puntate risultano piccole pillole di comicità facilmente digeribili. Una comicità che non si interrompe mai, nemmeno un secondo.
Appena finisce una battuta ne inizia un'altra e tutte sono del medesimo ed eccellente livello, sembrano quasi spontanee e vengono calcate nei momenti giusti, portando veramente a una comicità di altro livello. Infatti non è detto che se amate le commedie (come il sovracittato TBBT) amiate anche questa serie, perché è un tipo di humor diverso, che potrebbe risultare, appunto, molto lento, dove a farla da padrone sono i toni di voce e le espressioni, non la battuta in sè.
(N.B. fidatevi! Quando ho iniziato a vedere Vicious aveva appena finito di mettermi in pari con TBBT e ci ho messo un po' ad abituarmi a questo cambiamento di stile)
Fra gli ingredienti vi avevo indicato anche la teatralità della seria. Molto spesso questo aggettivo viene usato in modo negativo per indicare un modo di recitare esagerato, qui invece lo uso con la sua reale connotazione!
La serie è teatrale, non solo perché gli attori sono dei grandi nel mondo shakespeariano, proponendoci, quindi, una recitazione diversa da quella a cui siamo abituati, ma anche per la scenografia. Rare le scene fuori dall'appartamento di Freddie e Stuart, concentrandosi su inquadrature fisse e rari cambi di camera, quasi a sottolineare che gli attori si muovono in un palcoscenico, entrando e uscendo dalle scene proprio come farebbero se fossero in uno spettacolo teatrale.
Vicious è una serie leggera e divertente, che ti tiene attaccato al PC o alla TV i veri appassionati di humor inglese, breve ma intensa, con degli attori grandiosi.
Un piccolo gioiello da vedere assolutamente!

Nessun commento:

Posta un commento